Programmare la formazione per fasce d’età

Programmare la formazione per fasce d’età. Dai 6 agli 11 anni

Ogni periodo della crescita sportiva di un ragazzo è prezioso affinché lallenatore possa aiutare ad aggiungere quei tasselli necessari per lo sviluppo di abilità e competenze necessarie per raggiungere, da adulto, adeguati livelli di prestazione sportiva. Per ben interpretare il ruolo di allenatore è opportuno tener sempre presente chi “abbiamo di fronte” così da indirizzare al meglio l’attività. In questo articolo tratteremo della fascia d’età che va dai 6 agli 11 anni (periodo di iniziazione).

In questo arco temporale i piccoli calciatori dovrebbero svolgere un tipo di attività motoria “variata” (multilaterale e polivalente); particolari attenzioni andrebbero poste allo stimolo percettivo per “allenare” gli analizzatori sensoriali a immagazzinare il maggior numero d’informazioni che si renderanno indispensabili per costruire e consolidare lo “schema corporeo“. S’intende la conoscenza che l’individuo ha del proprio corpo in rapporto alle singole parti che lo compongono e allo spazio che lo circonda. Tutto ciò che è ben sviluppato e proposto dagli allenatori in giovanissima età favorisce, in tempi successivi, la manifestazione del talento e la performance sportiva. La competenza dei tecnici è quella di creare le condizioni migliori perché ciò avvenga. 

CRITICITA’

L’errore più frequente da parte degli allenatori rispetto alla fascia d’età 6-11 anni è relativo al fatto di voler anticipare la preparazione “speciale” a discapito di una preparazione “generale” (consigliata).

Cercare di non precorrere i tempi è invece utile al bambino per “esplorare e sperimentare” gettando così le basi per i successivi periodi di crescita (perfezionamento e performance). Al termine di questo periodo i i ragazzi saranno in grado di collegare i vari movimenti segmentari in movimenti “unitari”, finalizzati ad uno scopo preciso. Esperienze e proposte di gioco in situazioni dinamiche e ricche di “stimoli percettivi”, consentono il “riconoscimento” di nuove sensazioni che con il passare del tempo saranno utilizzate dai giovani come un ricco “database” da cui attingere, al momento del bisogno, per velocizzare (o modificare) la scelta motoria (comportamento tattico) in relazione alla situazione.

Costruire competenze nel giovane calciatore dipende quindi dal rapporto allenatore/allievo e sarà una diretta conseguenza tra stimolo proposto e risposta. Va da se che una maggior predisposizione del bambino verso il gioco del calcio (fattore genetico) faciliterà la proposta didattica dell’allenatore e gli “adattamenti” che ne faranno un calciatore. E’ anche vero, comunque, che determinate premesse (POTENZIALITA’) rimarrebbero tali se non venissero offerte significative opportunità esperenziali.

Roberto Nencini

Calcioscouting

 

Please follow and like us:
error
Previous Article
Next Article

3 Replies to “Programmare la formazione per fasce d’età”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

BENVENUTI SU CALCIOSCOUTING

Seguici e Condividi!

Follow by Email
Facebook
Twitter

Analisi del potenziale calcistico

Preparazione Mentale per Atleti

Mental Training per Calciatori

La nostra Pagina Facebook

Modulo di Contatto

Maggio: 2017
L M M G V S D
« Apr   Giu »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Archivi

Partnership