L’allenatore come Leader: la Leadership autoritaria

L’allenatore è universalmente riconosciuto come un leader. Tuttavia, come abbiamo visto nel nostro pezzo introduttivo, la leadership può acquisire molte funzioni, di tipo tecnico, morale e idealizzato all’interno di un gruppo.

La manifestazione di una leadership, tuttavia, segue modalità espressive eterogenee, che vorremmo in questo contributo introdurre analizzando la cosiddetta Leadership Autoritaria.

L’allenatore autoritario è normalmente molto centrato e concentrato sul compito, ovvero sviluppa le proprie attività ed anche le proprie interazioni sociali al fine di raggiungere un obiettivo preciso e determinato, quasi sempre coincidente con la vittoria ed il risultato. Il Leader autoritario dà istruzioni in modo continuativo ed interviene esclusivamente sulla componente tecnica e tattica utilizzando pertanto l’allenamento come strumento funzionale al miglioramento della prestazione. Esso tende pertanto a delegare in misura limitata e soltanto a persone fortemente fidate che rispettano e riconoscono la sua posizione di responsabilità.

Potremmo identificare il leader autoritario anche con una funzione, quella autocratica, per cui le decisioni principali non vengono adottate collegialmente ma in modo autonomo in funzione del proprio ruolo.

Frequentemente, ed in funzione della qualità della leadership autoritaria utilizzata, un allenatore segue quello che potremmo definire il “principio del potere”.

Quest’ultimo può essere, seguendo le definizioni della letteratura psicologica già presenti in French e Raven nel lontano 1959, di tipo ricompensativo (i giocatori sanno che il loro impegno è ricompensato dalla possibilità di giocare o di essere convocato), coercitivo (il ruolo impone l’obbligo di eseguire delle istruzioni), legittimo (ovvero i giocatori interiorizzano la leadership e la funzione di guida del mister, facendola propria) , di riferimento (coincidente con una leadership idealizzata) i, in conclusione, competente (quella che ho definito leadership tecnica).

L’allenatore dotato di una leadership autoritaria fa un uso dei “tipi di potere” globale e completo. La sua sfida è tuttavia quella di legittimare la propria autorità rendendola parte del funzionamento del gruppo e, soprattutto, facendola accettare ai ragazzi.

Una leadership autoritaria è difficilmente funzionale agli obiettivi del gruppo qualora essa sia caratterizzata da una comunicazione sostanzialmente direttiva, eccessiva rigidità e da scarsa competenza nella lettura di aspetti socio emozionali del gioco del calcio, determinanti nello sviluppo di adeguata coesione di squadra.

HOME

Dr Fabio Ciuffini, Psicologo, Consulente Area Psicologia dello Sport

Please follow and like us:
Previous Article
Next Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

BENVENUTI SU CALCIOSCOUTING

Seguici e Condividi!

Follow by Email
Facebook
Google+
https://www.calcioscouting.com/2014/09/02/lallenatore-come-leader-la-leadership-autoritaria">
Twitter
LINKEDIN

Analisi psicotecnica del Potenziale

Preparazione Mentale per Atleti

Mental Training per Calciatori

La nostra Pagina Facebook

Modulo di Contatto

Settembre: 2014
L M M G V S D
« Ago   Ott »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

Archivi

Partnership

Invalid slider id. Master Slider ID must be a valid number.