Simulazioni e autovittimizzazioni

Scouting: stop simulazioni e autovittimizzazioni

Il calcio è uno dei pochissimi sport (se non l’unico) in cui alcuni comportamenti scorretti vengono attuati volutamente al fine di ottenere un vantaggio.

Sui campi di calcio ed in tv vediamo quotidianamente simulazioni ovunque, che hanno come unico obiettivo quello di trarre in inganno l’arbitro sfruttando l’occasione a discapito dell’avversario.
Cosicché i tuffi ed i voli in area senza alcuna forma di contatto, le mani sul volto a segnalare inesistenti colluttazioni con altri calciatori acquisiscono una tale visibilità,   da renderli necessariamente oggetto di analisi, finalizzata nel nostro caso ad una riflessione chiara in merito allo Scouting.

Una delle forme di apprendimento più efficaci che molto bene conoscono gli allenatori è data dall’apprendimento per imitazione. I ragazzi sono soliti riuscire a compiere movimenti e gesti tecnici prevalentemente grazie alla possibilità di osservare il comportamento del mister, che non si limita mai ad offrire istruzioni verbali, ma che intepreta (almeno in modo mimico) i movimenti sul campo da compiere.

Questa tipologia di “formazione sul campo”, diventa centrale per un giovane calciatore, rendendolo particolarmente sensibile alla capacità di osservare in che modo sia possibile agevolare il proprio gioco mediante specifici comportamenti.

È del tutto evidente che – sia che si tratti di un calcio di rigore guadagnato, o “meglio” ancora di creare i presupposti per l’espulsione dell’avversario di turno – la simulazione entra (purtroppo) a pieno titolo nell’insieme dei comportamenti manifesti funzionali all’interesse di squadra, a tal punto che si è disposti anche a rischiare un “giallo”, pur di provarci.

Molti giovani calciatori, di conseguenza, replicano tali comportamenti con una frequenza sempre più rilevabile con la crescita, come se la capacità di falsificare la realtà diventasse una competenza calcistica.

Tuttavia, il ragazzo che simula dimostra, oltre a scarso rispetto per l’avversario e fair-play, anche una sostanziale incapacità di far fronte alla propria responsabilità diretta nel gioco, cercando scorciatoie che tuttavia non rendono certamente merito al talento.

La proattività non richiede simulazioni ma ricerca di soluzioni intelligenti

L’autovittimizzazione, indice da noi osservato sui campi, è pertanto nel nostro modello di lavoro un indicatore negativo, che, come tale, penalizza la valutazione globale dei comportamenti manifestati sul terreno di gioco.

Affinché sia chiaro il concetto, possiamo tranquillamente dire che chi cadrà sotto la lente d’ingrandimento del nostro staff, sarà valutato anche per queste caratteristiche.

Meglio un tiro in porta coraggioso realizzato nonostante una postura penalizzata da una posizione efficace dell’avversario, piuttosto che un crollo plateale che conduce ad un rigore realizzato!

HOME

Dr Fabio Ciuffini
Psicologo, Consulente Area Psicologia dello Sport

Please follow and like us:
Previous Article
Next Article

4 Replies to “Simulazioni e autovittimizzazioni”

    • CalcioScouting

      La simulazione è frutto non solo del carattere e della personalità ma anche, come accennato nell’articolo, della cultura sportiva basata sull’inganno, incentivato dal vantaggio che esso purtroppo determina, che non fa altro che rinforzarlo..
      Fabio

  1. andrea

    sono pienamente d’accordo con quanto riportato nell’articolo. Essendo istruttore di scuola calcio ritengo che la ns funzione non debba limitarsi ad insegnare esclusivamente nozioni tecnico-tattiche bensì comportamenti e regole necessarie non solo per quelli che continueranno a giocare ma per tutti.
    L’inganno di un gesto che può portarti ad avere un beneficio non guadagnato è per me una cosa grave anche se purtroppo abbastanza normale nello sporto e soprattutto nel calcio.Il comportamento nei confronti degli altri ( arbitro avversari e compagni) lo ritengo talmente fondamentale che una volta in una partita degli esordienti tolsi dal campo 3 giocatori ( pur non avendo sostituzioni) che si erano ” macchiati” di reclami e discussioni non troppo ortodossi nei confronti dell’arbitro . Sottolineo che l’arbitro gli aveva solamente ammoniti.
    Devo però aggiungere che istruttori che hanno le mie stesse idee sono ( ripeto almeno nel calcio) abbastanza rari
    Andrea

    • CalcioScouting

      In qualsiasi società di qualsiasi livello è bene improntare la propria attività non sull’inganno ma sulle potenzialità dell’atleta, è lì che bisogna direzionare l’attività educativa. Mi sembra che tu stia percorrendo la strada giusta…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

BENVENUTI SU CALCIOSCOUTING

Seguici e Condividi!

Follow by Email
Facebook
Google+
https://www.calcioscouting.com/2014/10/16/scouting-stop-simulazioni-e-autovittimizzazioni">
Twitter
LINKEDIN

Analisi psicotecnica del Potenziale

Preparazione Mentale per Atleti

Mental Training per Calciatori

La nostra Pagina Facebook

Modulo di Contatto

Ottobre: 2014
L M M G V S D
« Set   Nov »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Archivi

Partnership

Invalid slider id. Master Slider ID must be a valid number.