Elementi tecnico tattici di base: esordienti secondo anno

ELEMENTI TECNICO TATTICI DI BASE

Schemi motori di base + capacità coordinative = tecnica di base. Conosco moltissimi giocatori che posseggono una tecnica sopraffina e invidiabile. Giocatori che fin da piccoli con la palla facevano, e fanno, quello che vogliono. Ma pochi di loro hanno raggiunto o raggiungeranno buoni livelli di performance all’interno della squadra di appartenenza. Durante la partita, infatti, “molti di loro si perdono” e il loro valore tecnico, ben evidente in forma analitica, viene a mancare durante la gara del fine settimana fino a farli diventare “invisibili” e non determinanti. Nel calcio si dice che “tecnica è fare, tattica è decidere(DALLE FRASI ALLE STESURA DI UN LIBRO).  Da questo detto si capisce immediatamente che nel gioco del calcio “essere bravo tecnicamente non è sufficinte;

è un buon prospetto colui che associa alla “qualità del fare”  la “qualità nel decidere”.

Per semplificare: tattica significa osservare, capire, valutare e scegliere. Siamo al nodo cruciale: “la tecnica incontra la tattica“, il “fare si associa al decidere“. Entrano in gioco gli aspetti situazionali (tecnica applicata), il gioco nella sua essenza, dove l’aspetto percettivo-cognitivo diventa elemento determinante. Ma torniamo agli esordienti secondo anno: per agevolare la valutazione è stata redatta una tabella dove sono riportate situazioni di gioco che “fotografano” il giovane nella gestione della situazione dove l’aspetto tecnico, analizzato precedentemente, interagisce direttamente con l’aspetto decisionale (cognitivo). 

Tabella di valutazione - Gestione della situazione di gioco -
1. GESTIONE DELL’1>1 IN FASE OFFENSIVA (finta, dribbling, tempo d’esecuzione, posture)

2. GESTIONE DELL’1>1 IN FASE DIFENSIVA (posture, tempo d’intervento)

3. COSTRUZIONE DEL GIOCO (prevedere e anticipare, visione periferica)

4. INTENSITÀ DI GIOCO E TEMPO DI REAZIONE (interpretare il gioco, transizione)

5. VELOCITÀ DI PENSIERO (reattività, problem solving)

6. RAPPRESENTAZIONE SPAZIALE (comprensione degli spazi di gioco)

7. TEMPI DI GIOCO (fare la cosa giusta al momento giusto)

8. TRAIETTORIE DI GIOCO (prevedere dove arriverà la palla)

9. VISIONE DI GIOCO (vedere, percepire, scegliere, agire in maniera efficace) 

È la testa, la qualità del profilo mentale, che fa di un calciatore il calciatore obiettivo. Il fuoriclasse, il campione, è prima di tutto un fenomeno cognitivo e coordinativo.  M.Zunino

HOME

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.