Le Emozioni del calciatore : identificarle aiuta la performance

Potrebbero interessarti anche...

4 Risposte

  1. Anna Antonucci ha detto:

    A parità di contesto ambientale come si fa a trasformare l’emozione negativa in positiva: affrontare la partita non con paura ma con grinta positiva ?

    • CalcioScouting ha detto:

      Salve Anna. Per affrontare questo tipo di situazione dobbiamo lavorare mentalmente sull’atleta in modo preventivo, ovvero aumentare la consapevolezza circa i suoi stati d’animo ed i fattori che li generano, in positivo ed in negativo, allenandolo tramite tecniche di rilassamento e visualizzazione ad attivare stati mentali positivi, collegati a performance precedentemente realizzate con successo. È un lavoro semplice nella logica, ma molto difficile da apprendere in modo qualitativamente importante. Parola d’ordine: allenamento! Devono essere inoltre sviluppati aspetti motivazionali, oltre ad autostima ed auto efficacia, arginando anche elementi in grado di generare ansia mediante apposite strategie anche di natura attentiva. La mente è macchina complessa, in cui il lavoro su una componente influenza a catena tutte le altre.

  1. 11 novembre 2016

    […] riferimento al primo elemento osservabile, sappiamo che una buona capacità di controllo delle proprie emozioni è un predittore significativo di una prestazione positiva, alla luce della possibilità di […]

  2. 5 dicembre 2016

    […] dimostra nei confronti della soggettività dei singoli calciatori, ovvero verso le loro emozioni, i loro vissuti, le loro sensazioni, rendendosi in prima persona partecipe di tutti gli aspetti non […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.