Salah: analisi tecnico-tattica di un gol

Come già trattato in altri post, è molto importante per un Talent Scout conoscere a fondo le caratteristiche dei calciatori evoluti per meglio comprendere, durante l’osservazione, quali sono gli aspetti da ricercare in un calciatore di prospettiva. L’azione presa a riferimento è, in tale senso, un esempio di ciò che ho appena affermato.

Salah abbina un insieme di caratteristiche che lo rendono un calciatore “eccellente” e, data la giovane età, con ampi margini di crescita! Nei 2’33” di video ho “stoppato” il filmato in diversi punti per renderti partecipe delle qualità del calciatore egiziano. E’ sotto gli occhi di tutti che Salah è un talento, ma l’aspetto che più colpisce, è la “velocità di pensiero” con cui riesce a dare “lettura alle situazioni di gioco“, tale condizione lo ha portato a fare un gol in “transizione positiva”, attaccando in velocità negli spazi liberi e in guida della palla (dopo un controllo orientato di esterno piede!),  ribaltando una situazione di calcio d’angolo a sfavore per la sua squadra.

E che dire del tiro in porta. Perfetto! Protezione e copertura della palla (grazie alla consapevolezza dello spazio e del proprio corpo), preparazione, postura, rigidità della caviglia al momento dell’impatto con il pallone, equilibrio pre e post tiro. Tutto con velocità esecutiva e con la pressione dell’avversario diretto! Un video perfetto…, e non solo per gli osservatori ma anche per gli allenatori, soprattutto di settore giovanile, che possono prendere spunto per spiegare cosa sia l’intelligenza tattica, la tecnica applicata in situazioni di gioco ad elevata velocità, la lettura corretta delle situazioni, l’attacco degli spazi liberi, la transizione positiva (e negativa), la copertura e difesa della palla.

Un ultimo spunto di riflessione non meno importante. Un calciatore che in così poco tempo riesce a raggiungere un così elevato livello di performance, risultando determinante per l’efficacia della squadra, ha trovato sicuramente un buon contesto ad accoglierlo (società, allenatore, compagni). Ciò ha facilitato il manifestarsi delle caratteristiche tecnico-tattiche di cui sopra. Credo comunque, e concludo, che il fulcro del successo, per Salah come per ogni altro calciatore, sia un elevato livello di auto-consapevolezza e auto-efficacia, tipiche del calciatore incline al sacrificio e alla voglia continua di migliorarsi e di rimettersi in gioco “sempre e comunque”.  

Buona visione, buon divertimento e buon apprendimento!

HOME

Potrebbero interessarti anche...

4 Risposte

  1. Anna Antonucci ha detto:

    Da tifosa Viola sono stata molto contenta dell’arrivo di Salah perché lo avevo visto alle Olimpiadi e al Basilea. Trovo eccezionale però che non ci sia stato bisogno di ambientamento. Sembra che abbia sempre giocato nella Fiorentina. Un appunto, invece, per le scuole calcio che non fanno vedere filmati ai ragazzi, almeno nelle società dilettanti.

  1. 1 marzo 2017

    […] grande almeno quanto la delusione emersa quando Mohamed Salah, talento cristallino, ha fatto sapere, dopo estenuanti trattative ed offerte al rialzo da parte della dirigenza viola […]

  2. 1 marzo 2017

    […] triangolo Fiorentina-Salah– Chelsea potrebbe spuntar fuori un nuovo nome come “risarcimento danni” per la mancata […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *